I VANTAGGI DELLA

CONSULENZA INDIPENDENTE

Non essendo legato a nessuna istituzione finanziaria, il Consulente Finanziario
Indipendente è in grado di analizzare e monitorare la completa situazione finanziaria,
patrimoniale e assicurativa del Cliente. 

Questo gli permette di gestire in modo ottimale i rischi del cliente. 

Il Consulente "Dipendente" conosce normalmente soltanto la posizione presso il proprio
intermediario e quindi, non conoscendo e non potendo intervenire sui portafogli presso altri
operatori (p.es. polizze presso un agente assicurativo o un secondo portafoglio titoli presso un'altra
banca), non sarà in grado di effettuare una consulenza completa. Soltanto mediante la conoscenza
della completa situazione del cliente il
Consulente Finanziario Indipendente è in grado di
proporre soluzioni adeguate e di gestire in modo ottimale il rischio mediante una corretta
diversificazione
(asset allocation). 

Inesistenza di limiti predeterminati sugli investimenti da consigliare. 

Questo fa sì che il consulente possa consigliare qualsiasi strumento finanziario efficiente
acquistabile presso la sua banca di fiducia. Qualora non fosse possibile per i limiti posti dalla banca,
il consulente suggerirà al cliente dove rivolgersi per effettuare gli investimenti consigliati
supportandolo nella operatività. 

Sicurezza

Risparmio dei costi

e rendimenti superiori.

Grafico degli investimenti

SICUREZZA

RISPARMIO DEI COSTI 

E RENDIMENTI SUPERIORI. 

Soltanto il Consulente Finanziario Indipendente, infatti, può offrire una consulenza esperta ed obiettiva, mettendo in evidenza i reali costi dei prodotti finanziari (costi onerosi, che vengono prelevati automaticamente e quotidianamente dal patrimonio del cliente) e le inefficienze degli stessi. Trova soluzioni personalizzate, composte da strumenti efficienti (e non da prodotti costosi), alle quali l'investitore può tranquillamente accedere tramite la propria banca di fiducia.

 

Ovviamente, trattandosi di strumenti efficienti (con costi ridottissimi o nulli), nessun operatore tradizionale li consiglia, in quanto non remunerativi in termini di provvigioni di vendita. I vantaggi finanziari che derivano da una consulenza finanziaria indipendente sono notevolmente superiori rispetto alla parcella del consulente.


Questo significa che i rendimenti dei portafogli gestiti da un Consulente Finanziario indipendente hanno, a parità di rischio, un rendimento superiore a quelli tradizionali. 

INDIPENDENZA

È UN LIBERO PROFESSIONISTA

NON UN VENDITORE.

QUESTO GARANTISCE NEUTRALITÀ E OBIETTIVITÀ.

Chi vende non può dare consigli privi di conflitto d'interesse! Il venditore di una concessionaria automobilistica non consiglierà mai a un potenziale cliente di andare a comprare un'auto presso un altro rivenditore che abbia un rapporto qualità/prezzo
superiore.  Tendenzialmente consiglierà un'auto con maggiori prestazioni e accessori (e che costa di più), anche se questi non necessariamente servono al
cliente, in modo da ricavare una provvigione più alta.

Lo stesso vale anche nel mondo finanziario. 

Come il medico scrive una ricetta con la quale il paziente va in farmacia per comprare la medicina,

così il consulente finanziario indipendente dà una raccomandazione personalizzata in forma scritta con

la quale il cliente si reca in banca per comprare i
titoli. Che cosa ne pensereste, se il Vostro medico scrivesse una ricetta e poi vi
VENDESSE anche le medicine?

Sotto il ponte
 
 
Conto

RISPARMIO

CON L'AIUTO DEL CONSULENTE FINANZIARIO INDIPENDENTE SI POSSONO RIDURRE NOTEVOLMENTE QUESTI COSTI. 

UNA PARTE DEI COSTI RISPARMIATI VIENE PAGATA

AL CONSULENTE COME
ONORARIO. 

Oltre a far risparmiare al cliente le commissioni elevate, il Consulente Finanziario Indipendente lo guida in modo da permettergli di raggiungere i suoi obiettivi finanziari, riducendo gli errori e le operazioni rischiose che potrebbero causare
danni (costi indiretti) non trascurabili.

Capita spesso di parlare con clienti che
pensano che avere fondi comuni non voglia dire investire in azioni, mentre in realtà può trattarsi di fondi azionari con costi di gestione elevati ed inefficienti. 

Non esiste un importo minimo per far sì che la consulenza finanziaria indipendente sia conveniente per il cliente. Si può risparmiare notevolmente scegliendo in modo 

professionale un efficiente piano di accumulo di lungo periodo oppure un mutuo ottimale e di conseguenza i costi per la consulenza diventano irrilevanti rispetto al guadagno assoluto. 

 

TRASPARENZA

TOTALE TRASPARENZA NEL PROPRIO OPERATO E NEL RAPPORTO CON IL CLIENTE.

Tutti i prodotti del risparmio gestito che si acquistano sul mercato hanno dei costi, noti anche come “commissioni”. Questi costi ammontano annualmente a ca. 2 - 5% del patrimonio finanziario con punte che possono arrivare anche

al 9% per singoli prodotti come alcune polizze camuffate da “prodotti a capitale garantito

(il capitale garantito è al netto dei costi !). 

Non ci sono provvigioni nascoste, né conflitti d’interesse. L’ammontare della parcella del consulente è definito prima dell’inizio rapporto e inserito nel contratto scritto di consulenza.

Finestra di vetro
 
Lavoro d'ufficio

PIANIFICAZIONE

COME AMMINISTRARE IN MANIERA EFFICACE IL PROPRIO PATRIMONIO? 

Per dare una risposta a questa domanda, ognuno deve immaginare di pianificare il proprio futuro
finanziario, come si progetta per esempio la costruzione della propria casa: 

  • Conviene costruire una casa su un terreno franoso?

  • La fareste progettare da un muratore?

  • Usereste materiali scadenti e costosi?


Siamo convinti che rispondereste di no! 


Ma quando si tratta di raggiungere sicurezza e tranquillità economica, le persone lasciano in mano a venditori (Banche, Assicurazioni, …) il loro destino, senza affidarsi all’aiuto di un consulente finanziario indipendente per una corretta pianificazione finanziaria e patrimoniale.

 

© 2020 design by Why nat